Lux Chieti official logo - bianco

I COMUNICATI UFFICIALI DELLA CHIETI BASKET 1974

Parlare poco, ascoltare tanto e agire subito per risolvere il problema

Ago 25, 2022 | Comunicati stampa

Parlare poco, ascoltare tanto e agire subito per risolvere il problema

A poco più di una settimana dall’inizio della preparazione, ci apprestiamo a (ri)fare la conoscenza col dottor Giacomo “Mino” Ianieri, grande professionista, grandissima persona e nuovo team manager della Caffè Mokambo.  

Dopo diverse stagioni nello staff medico, da questo campionato ricoprirai il ruolo di team manager.  Come si è arrivati a questa scelta?

Dopo 3 anni di dirigente accompagnatore nella Chieti Calcio e coordinatore dello staff medico della nostra squadra di basket, la società mi ha dato l’occasione di ricoprire questo ruolo. Il presidente stesso ci ha tenuto a sottolineare come, per non perdere di vista il team e le sue eventuali problematiche, si sia pensato a me in quanto servisse un professionista con diverse capacità umane e caratteriali, con una spiccata propensione al problem solving. La regola su cui si basa il mio lavoro è: parlare poco, ascoltare tanto e agire subito per risolvere il problema. Ho tanta esperienza e la professionalità è la mia parola d’ordine. Quest’anno poi ho svolto un master presso l’Università di Teramo sulle Comunicazioni politiche e sociali nello sport per la formazione di dirigenti nazionali, dove si è parlato tanto di basket. Ho scelto di mettermi alla prova e ho accettato ben volentieri questo incarico e darò tutto me stesso per questa squadra, considerando anche che avrò al mio fianco due persone di grande esperienza come il direttore sportivo (Max Del Conte) ed il direttore operativo (Domenico Pezzella), già inseriti da anni nel campo del basket. Le tre cose che aggiungerò, come in qualsiasi squadra per cui ho lavorato, sono grinta, cuore e passione.   L’ambiente è davvero stupendo, mi sono trovato da subito bene con il coach e con il preparatore fisico, membro dello staff tecnico Prof Dante Falasca (con cui ho già lavorato). La società è davvero molto seria, con una programmazione importante. Basti pensare che lo staff medico, creato da me insieme alla società, è formato da nove persone: due medici, una psicologa, due fisioterapisti, un massaggiatore, un osteopata, un posturologo ed un consulente ortopedico. Una vera e propria eccellenza non solo per l’A2 ma anche per la categoria superiore.

Da quest’anno, dopo ben 44 anni, non sei più nell’organigramma della Chieti Calcio. Ti mancherà il mondo calcistico e cosa porti da questa lunghissima esperienza?

Sono 44 anni che porterò sempre con me, una parte del mio cuore rimarrà sempre neroverde e niente cancellerà il mio splendido passato. L’esperienza è tanta, ho conosciuto molte persone e tanti giocatori che mi hanno sempre voluto bene, dal 1978 a quest’anno. Il legame con i tifosi della curva Volpi, poi, per me sarà sempre speciale perché, anche in campo, mi sono sempre sentito uno di loro. Preferisco però non guardare in casa degli altri e concentrarmi sulla mia nuova esperienza e sul ruolo delicato che ricopro.

Che ti aspetti dalla stagione che sta per iniziare?

Mi aspetto una grande stagione. C’è tanta positività e tanta voglia di lavorare. C’è un bel mix tra giocatori esperti e giovani. Mi aspetto che il palazzetto sia frequentato, giochiamo in un campionato importantissimo come quello di A2, con tantissime squadre blasonate. Non vedo l’ora di iniziare a fare sul serio!

Federico Ionata – Staff Comunicazione Caffè Mokambo Chieti 1974

Ultimi ARTICOLI

Dobbiamo lavorare sodo e reagire

Dobbiamo lavorare sodo e reagire

In vista dell'ostica trasferta di Udine, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con coach Rajola. Quattro sconfitte negli ultimi 4 turni. Einstein diceva: “La creatività nasce dall’angoscia come il giorno dalla notte oscura. È nella crisi che sorgono l’inventiva, le...

Mokambo al lavoro, arriva la capolista!

Mokambo al lavoro, arriva la capolista!

Dopo il ko esterno contro Ferrara, la Mokambo si prepara a difendere il fortino PalaTricalle contro la corazzata Forlì. La compagine forlivese, al netto di tre vittorie in altrettanti incontri, occupa al momento il primo posto in classifica in coabitazione con Cento...

Ilia Boev è un nuovo giocatore della Chieti Basket

Ilia Boev è un nuovo giocatore della Chieti Basket

Il centro russo di formazione italiana di 208 cm per 110 kg proviene da Cantù (0,8 ppg e 1,5 rpg). Il giovane 2001 prodotto del settore giovanile di Cantù (PGC) arriva in Italia nel 2017 e si è subito messo in mostra nella Next Gen Cup. Nella stagione 2020-2021, il...

Solo vincendo possiamo allontanarci dalla zona playout

Solo vincendo possiamo allontanarci dalla zona playout

Raggiunto dai nostri microfoni dopo il turno di sosta, l’assistant coach Di Paolo inquadra il momento in casa Lux in vista dell’importante sfida casalinga contro San Severo. Come si è allenata la squadra in questa settimana di pausa forzata dall'attività agonistica?...

Lux, sconfitta sanguinosa a Roma

Lux, sconfitta sanguinosa a Roma

La rimonta della Lux si spegne sul più bello: al Palasport città di Frosinone è Roma a trionfare (74-66). Il migliore dei biancorossi, per spirito di sacrificio e vena offensiva, è Amici (21 punti), per i padroni di casa una prestazione monstre di Maglietti (18...

Sfida ai leoni bizantini

Sfida ai leoni bizantini

Archiviato il turno infrasettimanale con il nefasto match contro Forlì, per la Lux è tempo di preparare la prossima difficile sfida: al PalaTricalle Sandro Leombroni infatti andrà in scena l’importantissimo match contro l’Orasì Ravenna. La compagine guidata da coach...

Contro il talento serve un cuore enorme

Contro il talento serve un cuore enorme

Nonostante prosegua il momento non brillante in casa Chieti, non è di certo tempo di leccarsi le ferite: domenica si giocherà contro la corazzata Udine. Il talentuosissimo club friulano, guidato dal guru Bonciolli, è una compagine dall’incommensurabile talento. La...

Blackout fatale, Chieti crolla al PalaLeombroni

Blackout fatale, Chieti crolla al PalaLeombroni

Chieti, complice un quarto quarto finito 18-32, incappa nella quarta sconfitta consecutiva. Per Chiusi, i migliori realizzatori sono Bolpin e Medford (22 punti) , ai teatini non bastano i 19 di Jackson. L’avvio di gioco vede una Mokambo molto cinica, capace di far...

Vogliamo vincere, dobbiamo essere continui

Vogliamo vincere, dobbiamo essere continui

Siamo giunti a mercoledì e tutto è ormai pronto per la sfida di questa sera contro Chiusi. Coach Rajola, dopo una breve analisi del ko di domenica, ci introduce al match odierno. Cosa non ha funzionato nel ko interno contro Rimini? Purtroppo nel primo tempo abbiamo...